Stamperia Berardinelli

Achille Perilli

clicca le immagini per visualizzare i dettagli

click on each immage to visualize details

Autore di un astrattismo caldo, Achille Perilli nasce a Roma il 28 gennaio 1927. E’ noto per le composizioni di forme che somiglianti alla proiezione sul piano di parallelepipedi che risultano alla fine inverosimili ed irregolari, quasi irrisolti allo sguardo. Perilli compie le sue opere attraverso un utilizzo del colore forte – gradevole e rigoroso insieme – e supporta il proprio lavoro con una voluta “imprecisione” che va a vantaggio dell’espressività. Dopo aver frequentato il liceo classico, nel 1945 si iscrive alla Facoltà di Lettere; negli anni seguenti è allievo di Lionello Venturi, con il quale prepara la tesi di laurea sulla pittura metafisica di Giorgio De Chirico. Con Dorazio, Guerrini, Vespignani, Buratti, Muccini, Maffioletti, Perilli fonda il Gruppo Arte Sociale (GAS); allo stesso tempo collabora alla nascita e alla redazione delle riviste “Ariele” e “La Fabbrica”, organo del GAS, delle quali esce un unico numero. Nel 1947 partecipa alla redazione del manifesto Forma 1 (firmato oltre che da Perilli, da Accardi, Attardi, Consagra, Dorazio, Guerrini, Sanfilippo, Turcato) che viene pubblicato sul primo numero della rivista omonima. In ottobre dello stesso anno espone alla prima mostra del gruppo Forma 1 che si tiene nella Galleria Art Club: durante lo steso mese tieni nei locali dell’Art Club una conferenza dal titolo Del formalismo. Nell’anno seguente collabora con Sottsass jr all’organizzazione della prima mostra di arte astratta in Italia che si tiene alla Galleria di Roma. Presentato da Lionello Venturi, Perilli partecipa al I Congresso Internazionale di critici d’arte che si tiene a Parigi (21-28 giugno 1948), presentando insieme a Dorazio una relazione sulla situazione della pittura italiana del ‘900. Nel 1950 fonda, con Dorazio e Guerrini, la Libreria-Galleria “Age d’Or”; a cura dell’ “Age d’Or” viene pubblicato il primo quaderno tecnico-informativo d’arte contemporanea Forma 2. Il primo e unico numero è un “Omaggio a V. Kandinskij”, con testi di Max Bill, Nina Kandinsky, Enrico Trampolini e altri; il saggio di Perilli è dedicato alla grafia di Kandinsky. In occasione dell’Anno Santo l’ ”Age d’Or” organizza uno spettacolo di contestazione: il “Galileo Galilei” di Bertold Brecht, con la regia di Vito Pandolci e come protagonista Perilli nelle vesti di Urbano VIII. L’ “Age d’Or”, in collaborazione con l’Art Club, organizza inoltre la mostra di Arte astratta e concreta in Italia (la prima rassegna completa dell’astrattismo italiano) che si tiene in febbraio alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna. L’artista, sempre assieme a Dorazio e Guerrini realizza il numero 4 della rivista di architettura “Spazio”, interamente dedicato all’arte astratta; Perilli vi pubblica un saggio dal titolo “Quarant’anni d’arte astratta in Italia”. Nello stesso anno Lucio Fontana invita l’ “Age d’Or” a collaborare alla Triennale di Milano: Perilli, Dorazio e Guerrini realizzano in collaborazione due grandi pitture murali, premiate con medaglia d’argento. Nel 1957 Perilli espone ad una mostra personale allestita alla Galleria La Tartaruga, presentato da Nello Ponente mentre, cinque anni più tardi, ha una sala personale alla Biennale di Venezia, dove nel catalogo è presentato da Umbro Apollonio. Nel 1963 partecipa a Palermo alle riunioni del “Gruppo 63”: realizza scene, proiezioni e costumi per lo spettacolo “Teatro Gruppo 63” alla sala Scarlatti di Palermo. Contemporaneamente espone una mostra personale a New York alla Galleria Bonino. All’inizio degli anni Settanta espone una serie di opere dal 1961 al 1969 in una mostra personale che si tiene alla Galleria Nazionale di Praga ed espone ad una serie di mostre personali in Italia e ancora all’estero: alla Galleria Marlborough di Roma, alla Galerie Espace di Amsterdam, alla Frankfurter Westend Galerie di Francoforte, alla Jacques Baruch Gallery di Chicago con solo opere grafiche. Partecipa alla International Biennal Exhibition of Prints in Tokyo. Nel 1979 organizza e realizza per il comune di Roma la mostra L’avanguardia polacca 1910-1978 al Palazzo delle Esposizioni. Negli anni Ottanta Perilli partecipa alla realizzazione di “Retina”, rivista degli artisti, dove pubblica il manifesto Teoria dell’irrazionale geometrico. Una sua ampia mostra retrospettiva, dal titolo “Achille Perilli, continuum 1947-1982”, è allestita al Palazzo dei Congressi della Repubblica di San Marino. Successivamente espone in una mostra retrospettiva degli anni 1969/1984 al Paris Center di Parigi dal titolo “Achille Perilli. L’irrazionale geometrico”. Nelle opere degli anni Novanta il linguaggio di Perilli si rafforza ulteriormente in un cromatismo acceso, ilare, vivace e brillante: le forme si sviluppano in condizione bidimensionale, espandendosi nello spazio della tela e acquistando strutture di grande eleganza e movimento. Le opere di Perilli si qualificano in una direzione assolutamente astratta e al contempo si articolandosi cromaticamente lasciano che il colore possa argomentare e aiutare l’emergere e l’esprimersi stesso delle forme.

 

Achille Perilli (Rome, 1927)

In 1945, after finishing high school, Perilli went to university to study liberal arts. In the following years he was a pupil of Lionello Venturi with whom he prepared his thesis on Giorgio de Chirico’s metaphysical painting. Together with Dorazio, Guerrini, Vespignani, Buratti, Muccini, and Maffioletti, Perilli founded the Gruppo Arte Sociale (GAS); at the same time he helped with starting up and editing GAS’s Ariele and La Fabbrica magazines which were each published in a single edition. In 1947 he took part in editing the Forma 1 manifesto (which, apart from him, was also signed by Accardi, Attardi, Consagra, Dorazio, Guerrini, Sanfilippo, and Turcato) which was published in the first number of the magazine of the same name. In October of the same year he exhibited in the first Forma 1 group show which was held in the Galleria Art Club. The following year he collaborated with Sottsass Jn. in the organization of the first show of abstract art in Italy which was held in the Galleria di Roma.
In 1950 he founded, together with Dorazio and Guerrini, the Age d’Or  bookshop/art gallery; the Forma 2 technical-informative book about contemporary art, edited by Age d’Or, was published in the same year. The first and only issue was “Omaggio a V. Kandinskij”, with essays by Max Bill, Nina Kandinsky, Enrico Trampolini and others. Perilli’s essay was devoted to Kandinsky’s handwriting. In the same year Lucio Fontana invited Age d’Or to collaborate with him on the Milan Triennial: Perilli, Dorazio, and Guerrini together created two huge murals for which they were awarded a silver medal.
In 1957 Perilli held a solo show in the Galleria La Tartaruga; five years later he had a solo room in the Venice Biennale. In 1963 he created sets, projections, and costumes for a play performed in the Scarlatti room in Palermo. At the same time he held a solo show in the Bonino Gallery, New York.
At the beginning of the 1970s he exhibited a series of works from 1961 to 1969 in a solo show in the Prague National Gallery, and he was also seen in a series of solo shows in Italy and abroad: the Galleria Marlborough, Rome; the Galerie Espace, Amsterdam; the Frankfurter Westend Galerie, Frankfurt; and the Jacques Baruch Gallery, Chicago, showing only graphics. He took part in the International Biennial Exhibition of Prints in Tokyo. In the 1980s Perilli took part in the organization of the arts magazine Retina in which he published his manifesto “Teoria dell’irrazionale geometrico”. He held a wide-ranging  retrospective, Achille Perilli, continuum 1947-1982, installed in the Palazzo dei Congressi, San Marino. Later a retrospective exhibition of work from 1969 to 1984 was held in the Paris Centre, Paris, with the title Achille Perilli. L’irrazionale geometrico.
In his works in the 1990s, Perilli’s language was further enriched by bright, vivacious, and brilliant colors. The forms were developed through the space of the canvas and acquired an extremely elegant structure and movement. His works are highly abstract, yet their chromatic organization also allows the color to help the emergence and self-expression of the forms themselves.