Stamperia Berardinelli

Mimmo Rotella

clicca le immagini per visualizzare i dettagli

click on each immage to visualize details

Mimmo (Domenico) Rotella (Catanzaro, 7 ottobre 1918 – Milano, 8 gennaio 2006) è stato un artista e pittore italiano. Conclusa la scuola media si sposta a Napoli nel 1933 per intraprendere gli studi artistici, ma ottenuto un impiego al Ministero delle Poste e Telecomunicazioni, nel 1941, si trasferisce a Roma. Resta nella capitale solo per un breve periodo, perché viene richiamato alle armi. Nel ’44 lascia l’esercito ed ottiene il diploma al Liceo Artistico di Napoli. Tra il 1944 e il 1945 insegna Disegno a Catanzaro. Nel 1945 è nuovamente a Roma e, dopo gli inizi figurativi e le prime sperimentazioni, inizia a dipingere quadri neo-geometrici. Inizia nel 1947 a partecipare alle esposizioni, con la Mostra Sindacale di Arti Figurative e con quelle annuali dell’Art Club. Nel 1949 si dedica ad esperimenti di poesia fonetica, che denomina epistaltica (un neologismo insensato). Nello stesso anno ne redige il Manifesto (pubblicato da L.Sinisgalli in “Civiltà delle macchine”, 1955). La prima mostra personale, con opere astratto-geometriche, nel 1951, presso la Galleria Chiurazzi di Roma, non riscuote il favore della critica. Nel 1951 ha un primo contatto con l’arte francese esponendo a Parigi al Salon des Realistés Nouvelles. Tra il 1951 ed il 1952, ottiene l’assegnazione di una borsa di studio da parte della Fullbright Foundation, che gli permette di recarsi negli Stati Uniti in qualità di “Artist in Residence”, all’Università di Kansas City. Sempre nel 1952 realizza la seconda personale alla Rockhill Nelson Gallery di Kansas City. Negli Stati Uniti ha l’opportunità di conoscere i rappresentanti delle nuove correnti artistiche: Robert Rauschenberg, Oldenburg, Twombly, Jackson Pollock e Kline. Nel 1953, soffre di una crisi, durante la quale interrompe la produzione pittorica. Ormai convinto che non ci sia più niente da fare di nuovo nell’arte, ha improvvisamente quella che egli definisce “illuminazione Zen”: la scoperta del manifesto pubblicitario come espressione artistica della città. Così nasce il décollage (all’inizio collage): incolla sulla tela pezzi di manifesti strappati per strada, adottando il collage dei cubisti e contaminandolo con la matrice dadaista del ready made. Nel 1955, a Roma, nella mostra “Esposizione d’arte attuale”, espone per la prima volta il ‘manifesto lacerato’. In seguito, pratica il cosiddetto doppio décollage:il manifesto staccato prima dal cartellone, poi, strappato in laboratorio. In quegli anni si serve anche dei retro d’affiche, adoperando i manifesti dalla parte incollata ed ricavandone opere non figurative e monocrome. I primi riconoscimenti arrivano nel 1956 con il Premio Graziano e nel 1957 con il Premio Battistoni e della Pubblica Istruzione. Con la serie Cinecittà, del 1958, seleziona figure e volti delle pubblicità cinematografiche orientando la produzione verso opere di tipo maggiormente figurativo. Alla fine degli anni ’50, Rotella, è etichettato dalla critica come strappamanifesti o pittore della carta incollata. Di notte, strappa non solo manifesti, ma anche pezzi di lamiera dalle intelaiature delle zone d’affissione del Comune di Roma. Nel 1958 riceve a Roma la visita del critico francese Pierre Restany, con il quale inizia un lungo sodalizio. Nello stesso anno partecipa a Roma nella mostra “Nuove tendenze dell’arte italiana” organizzata da Lionello Venturi nella sede della Rome – New York Art Foundation. La curiosità del pubblico per le stravaganze dell’artista, si concretizza nel 1960 con la realizzazione, ad opera di Enzo Nasso, di un cortometraggio dedicato ai Pittori arrabbiati, del quale Rotella cura il commento sonoro. Sempre nel 1960 aderisce al Nouveau Réalisme (anche se non ne firma il manifesto), teorico del quale è Pierre Restany e che riunisce, fra gli altri, Klein, Spoerri, Tinguely, César, Arman e Christo. Al gruppo prendono parte anche i francesi Hains, Dufrêne e Villeglé, che operano sul décollage negli stessi anni, ma autonomamente. Insieme ai décollages, Rotella esegue anche assemblage di oggetti acquistati da rigattieri come tappi di bottiglia o corde. La Pop Art e l’Espressionismo astratto americani, assieme all’Informale ed alle ricerche spaziali e materiche che in quegli anni Luigi Fontana e Alberto Burri stanno svolgendo in Italia, giocano un ruolo di rilievo nell’orientamento di Rotella. Nel 1961 espone nella storica mostra À 40° au-dessus de Dada, curata a Parigi da Restany. Nel 1962 conferisce sulla su arte alla School of Visual Arts di New York e nel 1964 è invitato alla Biennale Internazionale d’Arte di Venezia e, nel 1965, alla IX Quadriennale di Roma. Usando strumenti tipografici, fra il 1967 e il 1973 realizza gli Art-typo, stampe scelte e riprodotte liberamente sulla tela. Con questo procedimento riesce ad accavallare e sovrapporre le immagini pubblicitarie, invertendo il precedente modo di procedere. Agli inizi degli anni settanta produce alcune opere, intervenendo sulle pagine pubblicitarie delle riviste con l’impiego di solventi e riducendole o allo stadio di impronta (frottage) o cancellandole (effaçage). Nel 1972, pubblica la sua autobiografia dal titolo Autorotella. Nel 1975 incide il primo disco di poesie fonetiche e nel 1976 prende parte al “Recital Internazionale di Poesia Sonora – Poesia Azione”. Altra sperimentazione, in quegli anni, è quella di accartocciare i manifesti e chiuderli in cubi di plexiglas. Definitivamente lasciata Parigi per stabilirsi a Milano (1980), negli anni ottanta elabora le “blanks” o coperture d’affiches: manifesti pubblicitari azzerati, ricoperti da fogli bianchi, come avviene per la pubblicità scaduta. Nel 1984 realizza il secondo ciclo di opere dedicate al cinema: Cinecittà 2. Dopo il 1986 seguito realizza le sovrapitture, ispirandosi al graffitismo: interviene pittoricamente su manifesti lacerati ed incollati su tela. Vi traccia scritte anonime, come quelle che si possono leggere sui muri cittadini: messaggi d’amore, scritte politiche, etc., in un doppio messaggio. Nel 1990 partecipa al Centre Pompidou di Parigi alla mostra “Art et Pub” e al Museum of Modern Art di New York all’esposizione “High and Low”. Si sposa nel 1991 con la russa Inna Agarounova, che nel 1993 mette alla luce Asya. Riceve nel 1992 dal Ministro della Cultura francese, Jack Lang, il titolo di Officiel des arts et des Lettres. Nel 2000 viene costituita, per volontà dell’artista, una fondazione a lui dedicata: la Fondazione Mimmo Rotella, con l’obiettivo di raccogliere le opere e le documentazioni catalogate della vita artistica del maestro. Nel 2004 Rotella ha ricevuto la laurea honoris causa in Architettura all’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria. È invitato al Guggenheim Museum di New York nel 1994 per la mostra “Italian Metamorphosis”, poi nuovamente al Centre Pompidou nel 1996 in “Face à l’Histoire”, e nel 1996 al Museum of contemporary art di Los Angeles in “Halls of Mirrors”, mostra successivamente esportata in tutto il mondo. Al cinema di Federico Fellini dedica il ciclo di lavori chiamato Felliniana. La più grande collezione di Rotella, appartiene ad una importante collezionista milanese. Mimmo Rotella è stato un frequentatore del Museo Santa Barbara di Mammola (RC), considerato uno dei più importati Musei di Arte Moderna, dove ha lasciato numerose opere d’arte.

 

Mimmo Rotella (Catanzaro, 1918 – Milan, 2006)

After working at the post office ministry, Rotella went to study at the art academy in Naples. After graduation he went to live in Rome in 1945. In 1949, probably as a result of Futurist influence, he created what he called “epistaltic” poetry, a mixture of words and sounds of all kinds. In the meantime he continued to paint, at first in a figurative style, and then turning to geometric abstraction. His first solo show was held at the Galleria Chiurazzi, Rome, in 1951 and, in the same year, he won a Fulbright scholarship which enabled him to study in the U.S.A. While there he both continued with his painting and also performed his poetry at Harvard university.
After his return to Rome in 1953 he created his first décollages, fragments of posters torn from the walls in Rome and attached to canvas. These works were still abstract but, in about 1958, they began to contain popular, if not Pop, figurative elements.
Mimmo Rotella’s works devoted to Marilyn Monroe, one of the highpoints of his output, are paradigmatic of his décollages. Having torn the image from a wall and placed it on its canvas support, he would then continue to tear and lacerate it to reveal further underlying layers: the evocation of the passing of time is apparent. And yet his attention to leaving significant and identifying details, such as Marilyn’s smile, would bring the whole image into focus.
In 1961 the critic Pierre Restany invited him to become part of the Nouveau Réalisme group and, in 1964, he moved to Paris. Here he continued to invent new expressive techniques, all developments of his décollages: Mec-Art, negative images projected onto canvases treated with emulsion; Artypo, the gluing of typographic proofs onto canvas; and Plastiforme, 1975, torn posters attached to polyurethane.
After he moved back to Milan he continued to press ahead with new experiments and also began to paint again, sometimes directly onto posters.
In  1990 his work was exhibited at the Centre Pompidou, Paris, and at The Museum of Modern Art, New York. In 1994 the Solomon R. Guggenheim Museum, New York, devoted an exhibition to his work. In 2000 the Fondazione Mimmo Rotella was set up with the aim of promoting contemporary art in general, and that of Mimmo Rotella in particular.
He was invited to the Venice Biennale in 1964 and 1993.
Among international public collections, his work is to be found in the Chelsea Art Museum / Miotte Foundation, New York; Civico Museo d’Arte Contemporanea, Milan; GNAM, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Rome; Peggy Guggenheim Collection, Venice; The Solomon R. Guggenheim Museum, New York; MUMOK, Museum Moderner Kunst Stiftung Ludwig, Vienna; Museum Ludwig, Cologne; Musée National d’Art Moderne, Centre Pompidou, Paris; National Gallery of Art, Washington; the Tate Gallery, London; and the Tel Aviv Museum, Tel Aviv.